Carbossiterapia

Carbossiterapia

La Carbossiterapia è una terapia utilizzata in medicina estetica per il trattamento della cellulite, mediante la somministrazione per via sottocutanea e per via per cutanea, di anidride carbonica allo stato gassoso.

La carbossiterapia, provocando vasodilatazione e riattivazione del microcircolo, migliora il flusso sanguigno e il metabolismo cutaneo, aumentando l'ossigenazione dei tessuti.

Con la carbossiterapia possono essere trattati i seguenti inestetismi o patologie:

  • Trattamento della cellulite in medicina estetica
  • Trattamento pazienti arteriopatici, stasi del microcircolo (media insufficienza venosa) in angiologia
  • Trattamento patologie artroreumatiche e periartriti in ortopedia.

Gli effetti della carbossiterapia

Le sostanze vengono utilizzate in percentuali o concentrazioni variabili che vengono valutate esclusivamente dal medico, a seconda del tipo di pelle, del tipo di inestetismo o patologia da trattare, e a seconda della profondità che deve raggiungere il peeling stesso.

Le principali sostanze utilizzate, in varie concentrazioni, sono le seguenti:

  • vasodilatazione delle arterie
  • miglioramento della circolazione
  • effetto lipolitico
  • migliora l'ossigenazione dei tessuti

Effetti sulla cellulite: Levigazione della buccia d’arancia e riduzione di volume delle adiposità localizzate.

Descrizione del trattamento:

Il trattamento avviene in ambulatorio e senza ricovero, mediante delle micro-iniezioni in dosi variabili, effettuate solitamente alla radice degli arti o nelle zone in cui vi è la cellulite, utilizzando degli aghi molto sottili.
La frequenza delle sedute è solitamente una alla settimana, ed il numero di sedute che di solito comprende un ciclo di trattamenti è 12-15. La durata del trattamento è in media 15-20 minuti, ed il ritorno alle normali attività è immediato.

 

Facebook